07/02/2024

DURATA: 2 ore

09:30 – 11:30

MODALITA’ WEBINAR

COSTO: € 120,00

(oltre IVA, se dovuta)

PROMOZIONI e SOLUZIONI AGEVOLATE PER ISCRIZIONI MULTIPLE
Contattaci per un preventivo personalizzato

 

RELATORI:

Avv. Alessandro Bonanni

Avv. Luca D’Agostino

Avv. Alessandra Pepe

Supplemento per Attestato di Partecipazione certificato in Blockchain: € 20,00
PROGRAMMA

• L’articolo 60 del Codice dei contratti.
• La revisione prezzi in rapporto con i principi generali dell’articolo 5 e con il regime delle modifiche contrattuali per variazioni in aumento dei costi delle lavorazioni dell’articolo 120.
• Il principio di conservazione dell’equilibrio contrattuale ed i casi di rinegoziazione.
• L’alea revisionale e le modalità di applicazione.
• Gli indici ISTAT per i contratti di forniture e servizi.
• Risorse disponibili per la copertura della spesa.
• La disciplina revisionale nei contratti in corso.
• La disciplina dell’articolo 29 del decreto legge 27 gennaio 2022, n. 4.
• La disciplina dell’articolo 26 del decreto legge 17 maggio 2022, n. 50.
• Le semplificazioni previste per l’erogazione dei corrispettivi
• Strumenti di tutela per l’appaltatore.

FINALITÀ DEL CORSO DI FORMAZIONE

Il nuovo Codice dei Contratti Pubblici, adottato con d.lgs. 31 marzo 2023, n. 36, divenuto efficace dal 1° luglio 2023, ha ridefinito la disciplina della revisione dei prezzi applicabile agli appalti di lavori, servizi e forniture, segnando una forte discontinuità rispetto al precedente regime.
La normativa più recente, infatti, rimette al centro dell’attenzione l’esigenza di conservare l’equilibrio economico delle prestazioni dedotte in contratto per evitare che, a causa di situazioni sopravvenute si determinino condizioni esecutive pregiudizievoli a carico delle parti.
All’innovativa impostazione basata sui contenuti della triade di disposizioni (artt. 5, 60 e 120), applicabile agli appalti disciplina dal nuovo codice, si affianca, per le commesse già affidate, la continuazione operativa dei meccanismi revisionali previgenti, introdotti nel periodo emergenziale degli anni 2021-2022, da ultimo prorogati dalla legge di Bilancio per il 2024, n.213/23 (art.1, comma 304).
Sotto tale aspetto rimangono attuali le previsioni che, per i lavori, hanno semplificato il regime applicativo dei
prezzari aggiornati, introdotto dal decreto “Aiuti” (D.L. n.50 del 2022), e snellito le verifiche sui fondi da erogare
dal MIT alle Amministrazioni per il pagamento delle imprese.

 

DESTINATARI

– RUP, dirigenti e funzionari di stazioni appaltanti, Pubbliche Amministrazioni e Aziende pubbliche

– Fornitori e prestatori di servizi della P.A.

– Responsabili degli Uffici tecnici e delle gare di appalto di Enti pubblici e Centrali di committenza

– Responsabili tecnici ed amministrativi di imprese e soggetti privati operanti nel settore degli appalti pubblici

– Operatori economici

– Liberi professionisti