14/02/2024

DURATA: 3 ore

09:30 – 12:30

MODALITA’ WEBINAR

COSTO: € 180,00

(oltre IVA, se dovuta)

PROMOZIONI e SOLUZIONI AGEVOLATE PER ISCRIZIONI MULTIPLE
Contattaci per un preventivo personalizzato

 

RELATORI:

AVV. STEFANO DE MARINIS

PROF. AVV. ANGELO LALLI

Supplemento per Attestato di Partecipazione certificato in Blockchain: € 20,00

PROGRAMMA

• La responsabilità erariale per colpa grave nel nuovo codice dei contratti pubblici.
• Le condotte: commissive ed omissive con riferimento agli appalti pubblici; il nesso causale.
• L’elemento soggettivo: dolo e colpa grave
• Il rapporto tra la disciplina del nuovo codice e l’art.21 del decreto “semplificazioni 1” prorogato: regime transitorio della colpa grave.
• Ulteriori disposizioni a tutela della responsabilità del RUP: i pareri e le determinazioni del Collegio Consultivo Tecnico (art.216, comma 3 del nuovo codice); ordine di servizio e diritto di rimostranza
• Le principali fattispecie di danno da attività negoziale e contrattuale: danno per perdita finanziamenti PNRR; danno da tangente, da corruzione e danno all’immagine; danno da disservizio; danno da concorrenza; danno da ritardo;
• Responsabilità del collaudatore, progettista e direttore dei lavori; nelle procedure di appalto di beni, servizi e forniture e nella fase di esecuzione dei relativi contratti; nella realizzazione di opere pubbliche.
• Rapporto dell’azione per danno erariale con il procedimento penale e con il giudizio civile
• Obbligo di denuncia del danno alla Corte dei conti alla luce dell’art. 21 del decreto Semplificazioni (D.L. 76/2020 conv. in L. 120/2020): soggetti obbligati; responsabile del procedimento; dirigenti, funzionari organi politici e di controllo; responsabilità per omessa denuncia.

FINALITÀ DEL CORSO DI FORMAZIONE

La questione della responsabilità del pubblico funzionario nella gestione dei contratti rappresenta il problema centrale che ne condiziona l’attività ed in specie la cosiddetta capacità di messa a terra degli investimenti.
Su questo fronte il nuovo codice è intervenuto fissando, all’art. 2, comma 3, i principi interpretativi di regola seguiti dalla Corte dei Conti con l’intento di chiarire e stabilizzare in senso conforme ai principi dettati dal codice stesso la relativa disciplina.
Su questo terreno si era, peraltro, già mosso il decreto legge n.76 del 2020 (c.d. semplificazioni 1), dettando regole innovative sul fronte dell’abuso d’ufficio e su quello contabile, le quali ultime, ancorché “a tempo”, sono state prorogate al 31 giugno 2024 da altra disposizione (legge n.74 di conversione del decreto legge n. 44 del 2023), generando un problema interpretativo che il webinar intende, unitamente agli ulteriori temi sul tappeto, provare a dipanare.

 

DESTINATARI

– RUP, dirigenti e funzionari di stazioni appaltanti, Pubbliche Amministrazioni e Aziende pubbliche

– Fornitori e prestatori di servizi della P.A.

– Responsabili degli Uffici tecnici e delle gare di appalto di Enti pubblici e Centrali di committenza

– Responsabili tecnici ed amministrativi di imprese e soggetti privati operanti nel settore degli appalti pubblici

– Operatori economici

– Liberi professionisti