25/06/2019 – Tra le disposizioni del Decreto Crescita (d.l. 30 aprile 2019, n. 34), la cui legge di conversione è in via di approvazione da parte del Parlamento, figura l’istituzione, presso il Ministero per le Infrastrutture, di un Fondo c.d. Salva imprese, volto a sostenere economicamente le ditte sub-fornitrici e subappaltatrici in caso di fallimento del general contractor, allo scopo di sbloccare i cantieri fermi e far ripartire le opere.  Alimentato da un contributo pari allo 0,5% dei ribassi praticati dall’aggiudicatario (somme a disposizione delle stazioni appaltanti già inserite nel quadro economico), al Fondo potranno accedere sub-appaltatori e sub-fornitori di imprese aggiudicatrici di lavori pubblici in stato di crisi, che saranno così soddisfatti direttamente dalla PA. Le modalità operative dell’istanza di accesso saranno emanate a breve dal MIT.