08/10/2019 – Dopo una serie di modifiche al testo da parte del Senato, la Camera ha approvato in via definitiva la Legge di delegazione Europea 2018, contenente le deleghe necessarie per adeguare e recepire la normativa europea in diverse materie, tra cui quella dell’efficienza energetica, regolata dalla Direttiva 2018/844/UE (di aggiornamento delle direttive 2010/31/UE e 2012/27/UE). Il provvedimento contiene le linee guida che il Governo dovrà seguire per l’adozione, entro il 10 marzo 2020, dei decreti legislativi di dettaglio. L’obiettivo è assicurare l’ottimizzazione del rapporto tra costi e benefìci, al fine di minimizzare gli oneri a carico della collettività e migliorare l’efficienza energetica degli edifici, attraverso strategie quali la promozione di ristrutturazioni economicamente efficienti e l’introduzione di un “indicatore di intelligenza” per gli edifici che, grazie all’interazione con la rete, potrà adattare il consumo energetico alle esigenze reali degli abitanti. Al fine di allineare la prestazione energetica in edilizia agli obiettivi UE e promuovere un mercato delle costruzioni efficiente, prima dell’inizio dei lavori di costruzione si dovrà inoltre tenere conto conto della fattibilità tecnica, ambientale ed economica dei sistemi alternativi ad alta efficienza, laddove disponibili.