Consiglio di Stato, Sez. V, 8 ottobre 2019, n. 6793

Nel caso di utilizzo dell’offerta economicamente più vantaggiosa, le soluzioni migliorative si differenziano dalle varianti, perché le prime possono liberamente esplicarsi in tutti gli aspetti tecnici lasciati aperti a diverse soluzioni sulla base del progetto posto a base di gara ed oggetto di valutazione delle offerte dal punto di vista tecnico, rimanendo comunque preclusa la modificabilità delle caratteristiche progettuali già stabilite dall’Amministrazione; le seconde, invece, si sostanziano in modifiche del progetto dal punto di vista tipologico, strutturale e funzionale, per la cui ammissibilità è necessaria una previa manifestazione di volontà della stazione appaltante, mediante preventiva autorizzazione contenuta nel bando di gara e l’individuazione dei relativi requisiti minimi che ne disegnano i limiti.

Secondo questo principio, chiarisce il Consiglio di Stato, le proposte migliorative consistono in soluzioni tecniche che, senza incidere sulla struttura, sulla funzione e sulla tipologia del progetto a base di gara, investono singole lavorazioni o singoli aspetti tecnici dell’opera, lasciati aperti a diverse soluzioni, configurandosi come integrazioni, precisazioni e migliorie che rendono il progetto meglio corrispondente alle esigenze della stazione appaltante, senza tuttavia alterare i caratteri essenziali delle prestazioni richieste.

 

La tematica, di stretta attualità e di notevole rilevanza operativa, sarà ampiamente approfondita nelle giornate di formazione dal titolo “MODIFICHE AL CONTRATTO E VARIANTI IN CORSO D’OPERA NEL D.LGS. N.50/2016“, organizzate a Roma e Mestre da PPI- PUBLIC PROCUREMENT INSTITUTE e VENEZIA STUDI.

Per informazioni su date, programmi e modalità di iscrizione:

T. +39 06 80692287
F. +39 06 8070845
info@publicprocurementinstitute.com
www.publicprocurementinstitute.com